Dopo aver scelto il prestito per Cattivi Pagatori, quali caratteristiche si devono verificare?

Le soluzioni per scegliere un prestito cattivi pagatori sono innumerevoli, come abbiamo già spiegato gli strumenti messi a disposizione da alcune società di credito, vi permetteranno di accedere a un finanziamento creato su misura per voi.

Una volta scelto il prestito dedicato ai cattivi pagatori, quali sono le caratteristiche che si devono verificare, per assicurarsi che non si sia caduti in una truffa? La prima cosa che dovrete richiedere è la possibilità di eseguire la domanda di “riabilitazione” dalla categoria dei cattivi pagatori, questa funzione vi permetterà di “uscire” dalla lista del libro nero in tempi che variano da 12 ai 36 mesi.

In questo modo, dimostrando di pagare continuamente le rate del finanziamento, potrete confermare alle banche che non siete più integrati nella categoria dei cattivi pagatori. Inoltre, ricordiamo che è possibile richiedere l’immediata cancellazione dalli liste del CRIF, ma solo in caso ci siano state delle truffe per appropriazione indebita.

Per questo motivo dovete assicurarvi, come cattivi pagatori, che il mutuo accettato dalla finanziaria sia coperto da regolare contratto e che venga versato direttamente sul vostro conto corrente bancario. Il prestito a cattivi pagatori ormai fa parte della nostra quotidianità, non dovete vergognarvi di chiedere queste sicurezze che vi permetteranno di dormire sogni tranquilli.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *